News

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo
Open Panel (Cookie accept)

Una prevalenza di Fibrillazione Atriale (FA) in Italia dell’1,7%. Il livello di profilassi anticoagulante nei pazienti fortemente eleggibili, seppure in miglioramento, resta insufficiente e presenta forti variabilità locali e regionali. Nel 2015, circa un terzo del trattamento anticoagulante per FA è a base di NAO. E' quanto emerge nel PAPER "Prevalenza della fibrillazione atriale, eleggibilità al trattamento e consumo di anticoagulanti orali nelle Aziende Sanitarie italiane: impatto dei nuovi anticoagulanti ", a cura di C.R.E.A. Sanità. Pubblicato sul  volume 18 - Marzo 2017 del Giornale Italiano di Cardiologia.